Assisi


Assisi 770x162



Assisi: Unesco, santi e contrade


A est di Perugia si staglia Assisi, icona di itinerari incentrati sulle tracce di San Francesco, patrono d'Italia, proclamato santo nel 1228. Il santo e la diffusione dell’ideologia francescana sono le chiavi di lettura di Assisi e a quest’immagine si conforma la scena urbana, medievale per l’aspetto e per l’impianto nel quale i monumenti francescani si inseriscono come fulcri ordinatori.



Una "sontuosa religiosità" nella quale spicca la basilica di S. Francesco, Patrimonio dell’Unesco, e non è un caso che in questa città umbra si sia svolto nel 2010 il primo “Salone Mondiale del Turismo delle città e dei siti Unesco”. Composta da due chiese sovrapposte, la chiesa inferiore e la chiesa superiore, la duecentesca basilica di S. Francesco custodisce una ricchezza pittorica che ricopre interamente le pareti interne, cui si dedicarono Giotto, Cimabue e Simone Martini. In particolare, nella navata centrale della chiesa superiore, si sviluppa il mirabile ciclo della vita di S. Francesco, attribuito a Giotto e alla sua scuola, composto da 28 affreschi: un ciclo che ha codificato per sempre l’iconografia del santo, tramandando il racconto della sua vita così come volle fissarli la biografia ufficiale, “Legenda maior”, del 1263.

A quella di S. Francesco si affiancano le basiliche di Santa Chiara – sempre duecentesca – e la grandiosa, cinquecentesca basilica di S.Maria degli Angeli - nella piana degli Angeli, ai piedi di Assisi -, con la celeberrima cappella della Porziuncola (X-XI secolo). L’elaborata e voluminosa struttura architettonica è estranea al misticismo francescano ed è legata all’esigenza di contenere folle di pellegrini. Al principio del presbiterio, sulla destra, si trova la cappella del Transito, la cella nella quale S.Francesco morì il 4 ottobre 1226. Le strade dei viaggiatori, una volta usciti da Assisi, possono dirigersi verso il Parco del Monte Subasio dove, a 800 metri d’altitudine - fra querce e lecci -, si trova uno dei luoghi più densi di memorie e suggestioni francescane, l’eremo di Santa Maria delle Carceri.




Il nucleo primitivo è costituito dalla chiesetta circondata da grotte, dove San Francesco con i suoi seguaci si ritirò in meditazione: da vedere la grotta di S. Francesco, luogo di riposo e preghiera del santo. L'intero centro storico di Assisi è compreso nel Parco e ne caratterizza le valenze naturali e storico-culturali, tanto che l'Area Naturale Protetta potrebbe chiamarsi indifferentemente "Parco di Assisi". Numerosi i percorsi letterari all’interno del Parco del Monte Subasio – oltre 7.000 ettari di superficie – illustrati da sculture che mettono in luce le relazioni esistenti tra il paesaggio naturale e le creature protagoniste del “Cantico” di San Francesco.


Luciana Francesca Rebonato

Web content manager
Tutti i diritti sono riservati

• Approfondimenti: 

Mercatini di Natale a Assisi

Gite scolastiche ad Assisi


Forse ti può interessare...

▶ destinazione Italia
▶ città d'arte
▶ incantesimo italiano
▶ regioni italiane
▶ studiare l'italiano





Booking.com