Lago d'Orta

  lago orta 770x162


Il respiro del lago


L’incanto del lago d’Orta: un piccolo gioiello a misura d’uomo in uno dei paesaggi più morbidi d’Italia. Un lago che ha fatto innamorare filosofi e poeti, da Nietsche a Balzac passando per la poetessa russa Lou Salomè. Senza dimenticare Gianni Rodari, che a Omegna – cittadina sulla punta settentrionale del lago – è nato e al quale è dedicato il Parco della Fantasia, un omaggio a questo grande scrittore italiano autore de “La grammatica della fantasia”. E un collante lega la fantasia di Rodari al “suo” lago: il potere di emozionare, un’atmosfera senza tempo nella quale immergersi come in una favola.

 Il lago d’Orta va scoperto lentamente, a iniziare dalla sua principale località, Orta San Giulio: un borgo affacciato sulle acque in una penisola della riva orientale, ricco di stradine silenziose e angoli di edilizia barocca con loggette, balconi in ferro battuto, cortili e porticati. Da Orta San Giulio si raggiunge in dieci minuti di battello l’ellittica Isola di San Giulio sulla quale sorge uno dei più importanti monumenti romanici del territorio, la basilica di San Giulio. Sotto l’egida dell’Unesco, invece, è il Sacro Monte di Orta, in posizione panoramica su Orta, complesso devozionale con venti cappelle affrescate completate da gruppi statuari a grandezza naturale in terracotta. Sempre in tema di coreografia ecclesiastiche si consigliano Miasino seguita a ruota dalla chiesa romanica - con quattordici cappelle settecentesche collegate tra loro - di San Filiberto a Pella, l’unica chiesa in Italia dedicata a San Filiberto. Panorama mozzafiato è quello che si cattura con lo sguardo dal belvedere di Quarna Sopra: non solo sul Lago D’Orta ma anche, nelle giornate più limpide, fino all’Appennino Ligure.

Capolavoro della natura è il Mottarone, a una ventina di minuti dallo specchio lacustre, una palestra a cielo aperto per una vasta gamma di attività sportive. Un lago per tutte le stagioni, il Lago d’Orta, alle cui spalle, in un battito di ciglia, si distende la valle Strona, con il torrente che gorgoglia, i borghi di montagna, le grotte e le caverne. Come la Caverna delle streghe a Samburghetto, cunicoli e antri con stalagmiti di sabbia e un dislivello di quarantaquattro metri. Cortili e giardini aperti, invece, ad Ameno, sulla sponde orientale del Lago d’Orta, in posizione collinare e immerso nel verde.


Luciana Francesca Rebonato

Web content manager
Tutti i diritti sono riservati

Cerchi Gite scolastiche sul Lago d'Orta? 

Gite scolastiche sul Lago d'Orta

Forse ti può interessare...

▶ destinazione Italia
▶ città d'arte
▶ incantesimo italiano
▶ regioni italiane
▶ studiare l'italiano