Napoli


NAPOLI770x162


Napoli: il volto e l’anima


La guardi dall’alto di
Posillipo e ti sembra un gigantesco cerchio diviso in due. È Napoli, e il suo diametro è la leggendaria strada – detta, appunto, “Spaccanapoli” - che attraversa tutto il centro e che va dai Quartieri Spagnoli al quartiere di Forcella, tagliando in linea retta la città. Immortale e di fama internazionale, Napoli, che si staglia al centro dell’omonimo Golfo, tra il Vesuvio e l’area vulcanica dei Campi Flegrei



 Napoli: una e centomila, Napoli fulcro di leggende e di storia, Napoli antologia di stili architettonici, Napoli dell’Università e dei suoi istituti – celebre quello degli Studi Storici, fondato nientemeno che da Benedetto Croce, Napoli ricca di idee, di quell’intreccio di stili, umori e passioni definibili solo con “napoletanità”. E come dimenticare la Napoli dei profumi, del gusto e della pizza? Una città, mille volti, uno spirito poliedrico e una propensione per l’arte e la musica: lo testimoniano il gran numero di artisti che ha fatto scuola nel capoluogo campano e, soprattutto, la qualità delle sue istituzioni culturali


Un esempio su tutti? Il Teatro San Carlo, fondato nel 1737, uno dei più famosi e prestigiosi al mondo, il più antico teatro d'opera in Europa ancora attivo nonché uno dei più capienti in Italia. Al pari passo con la musica a Napoli regna l’artigianato: la città è una continua fucina di sorprese, le botteghe sono luoghi di ricerca e tradizione in cui vedono la luce capolavori ricercati e apprezzati in tutto il mondo come le ceramiche di Capodimonte, i presepi di San Gregorio Armeno, gli strumenti musicali forgiati dai liutai e l’arte orafa.

Quanto all’arte da contemplare in città, Napoli vanta una storia lunga duemilacinquecento anni ed è stata attraversata da civiltà prodighe di lasciti. Civiltà che sopravvivono ancora oggi, stratificate nel sottosuolo o intessute nel contesto urbano in un armonioso alternarsi di antico e moderno e non è certo un caso che l’Unesco abbia conferito a quasi tutti i monumenti cittadini il titolo di “patrimonio dell’Umanità”. Castelli – hanno fama mondiale Castel dell’Ovo, Castel Sant’Elmo e Castel Nuovo, meglio noto come Maschio Angioino -, musei, palazzi reali, pinacoteche, teatri, un imponente numero di fontane, piazze ed edifici conducono per mano il viaggiatore fra le luci e le ombre dei secoli. Per non parlare delle circa duecento chiese, che in maggior parte costituiscono ciascuna un capitolo di architettura, storia e arte essendo – molte di loro – ricavate da templi pagani e dalle catacombe.



Un discorso a sé merita il "centro antico", un vero e proprio museo a cielo aperto: imperdibili le mura greche e romane, gli scavi di San Lorenzo Maggiore e del Duomo, i Cardini e i decumani – ovvero le strade storiche -, l’Anticaglia e il complesso del Carminiello ai Mannesi. E poi ancora i palazzi nobiliari, i chiostri e le numerosi strutture medievali. Napoli è un vero teatro della vita, e per salire da protagonisti sul suo palcoscenico si deve conoscere la sopracitata Spaccanapoli, dove non ci sono solo palazzi antichi e icone di storia, ma il cuore pulsante della Napoli più autentica. L’essenza della città, qui, si svela senza trucchi.


Luciana Francesca Rebonato

Web content manager
Tutti i diritti sono riservati

• Approfondimenti:

Mercatini di Natale a Napoli
 

Gite scolastiche a Napoli

Forse ti può interessare...

▶ destinazione Italia
▶ città d'arte
▶ incantesimo italiano
▶ regioni italiane
▶ studiare l'italiano





Booking.com